top of page
  • Immagine del redattoreGiulia Bruschetini

Essere Bella Baxter (Poor Things)

Povere Creature è un viaggio alla scoperta del mondo. Per mondo non mi riferisco solo a quello intorno e fuori dalla protagonista Bella Baxter, ma sopratutto, forse, a quello dentro di lei. Al di là delle mille recensioni che troviamo circa questo straordinario racconto, quello che mi piace sottolineare è il percorso di conoscenza di sé di Bella. Bella è una tabula rasa che si affaccia al mondo senza preconcetti e curiosa di scoprire tutto. Ma cosa è questo tutto? il bene, il degrado, la tristezza, l'orrore. Bella vive la sua avventura, rischiando tanto dolore come l'oppressione e la morte, ma questo le permette di trarre dal suo viaggio la più grande delle opportunità che abbiamo ovvero 'vivere'. La voglia di vivere di Bella e la sua libertà sono minuto dopo minuto contagiose. Il suo modo di sperimentare e sperimentarsi nel mondo le permette sempre più di definire se stessa, passo dopo passo, avventura dopo avventura. Certo, la libertà ha un costo, quello di rischiare spesso tutto, di essere considerata pazza per esempio, ma come diceva Michela Murgia 'rivendicate la vostra libertà, disobbedite e anche se il prezzo è alto, sappiate che si può pagare'.

In un mondo, come quello della 'buona società', dove aspettative e costumi ci dicono cosa fare e chi essere, è rassicurante sapere che possiamo essere tutte e tutti Bella Baxter.



43 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Gli inizi

bottom of page